News del 06/05/2020
Smart Working o Remote Working? Paradigma del lavoro agile
Perchè se è vero che lavorare da remoto può significare lavorare in smart working, lavorare in smart working non significa lavorare da remoto. 

Remote Working

Quando parliamo di Remote Working, traducendo dall’inglese, ci riferiamo al lavoro da remoto, ovvero da un luogo che non sia l’ufficio in azienda. Non è necessariamente lavoro da casa (meglio definito come Home Working) ma più lavorare in luoghi diversi: al bar, presso un coworking dove si possono incontrare altri professionisti, un ufficio temporaneo e, sì anche da casa. Il tutto in base alle proprie esigenze.

Il Remote Working è inoltre particolarmente legato alla tecnologia, in quanto si basa su modalità lavorative in cui il confronto e la comunicazione con colleghi e clienti avviene maggiormente attraverso piattaforme e applicativi online (es: Skype, Hangout, Zoom e altre soluzioni di social collaboration come Slack, Hibox, Asana, etc.).

 

Telelavoro


Nel telelavoro invece, il lavoratore svolge la sua attività da una postazione fissa definita, in un luogo diverso dall’azienda, continuando ad avere una rigidità oraria comparabile al lavoro in azienda. Insomma, un Remote Working “coatto”, che è proprio quello a cui siamo sottoposti in questo periodo di Coronavirus.

 

Cosa non è lo Smart Working?

In quest’ottica possiamo quindi affermare che Smart Working non è telelavoro. Può semmai essere considerato una evoluzione del telelavoro, perché non siamo vincolati dagli orari, né in ufficio né a casa, ma conta solo il risultato, la performance.

Smart Working non è nemmeno lavorare qualche giorno al mese in una sede che non sia l’ufficio, anche se gran parte delle aziende italiane che dichiara di adottare questo strumento lo declina in questo modo. Perché con qualche giorno al mese si evita la paura di un cambiamento troppo impattante

Smart Working non è poi lavorare con un tablet o uno smartphone anziché con il pc fisso aziendale, perché se lo strumento è smart non è detto che a quel punto anche il lavoro diventi smart.

 

Ma allora cos’è davvero lo Smart Working?

Lo Smart Working combina i concetti sopra descritti, in quanto esprime un nuovo approccio lavorativo che integra tre dimensioni: comportamenti e cultura organizzativa, tecnologie e spazi di lavoro, il tutto per un cambiamento in ottica Lean.

Lo Smart Working si fonda su una concezione diversa del modo di concepire il lavoro: l’ufficio diventa un luogo d’incontro, le tecnologie devono facilitare la collaborazione e, pertanto, devono garantire massima flessibilità e mobilità, le persone devono essere responsabilizzate e gestite per obiettivi attraverso un rapporto di fiducia che si crea sia tra colleghi che con i manager per agevolare produttività e benessere. 

Lo Smart Working può e deve essere usato come leva per l’innovazione in ambito organizzativo. È un approccio al lavoro che le organizzazioni lean dovrebbero adottare per andare incontro alle esigenze che il mercato e il nostro stile di vita richiedono: flessibilità, produttività, mobilità, reattività, felicità, crescita.

Tutto questo, però, parte da un cambiamento drastico nel management: il rapporto di fiducia si basa infatti sul cambiamento di mentalità e di approccio da parte dei manager, che non sono più “controllori spietati” ma diventano coach, consiglieri dei propri worker, facilitando la condivisione delle informazioni e garantendo maggior autonomia ai propri collaboratori.

 
Vuoi approfondire il mondo dell'organizzazione snella? Contatta i nostri esperti per una consulenza Lean a Torino!  


Contatta per info sulla consulenza lean a torino





Le ultime NEWS



Le origini del Lean Thinking


Il Toyota Production System!







CCIAA Marche: Bando Voucher Imprese Digitali 4.0.

La Camera di Commercio delle Marche ha approvato un bando per imprese digitali (in regime di aiuti “de minimis”) per la concessione di contributi a fondo perduto somministrato in forma di Voucher.