Poka-Yoke – Lean Manufacturing Method


Poka-yoke – significa “a prova di errore”. E’ una costrizione sul comportamento, o un metodo per prevenire gli errori imponendo dei limiti su come un’operazione può essere effettuata per forzare il completamento corretto dell’operazione. Il concetto di questa parola è infatti quello di “evitare (yokeru) gli errori di distrazione (poka)”.



Questa espressione nacque nel settore automobilistico giapponese: la terminologia fu creata dall’ingegnere Shigeo Shingo come un aspetto del Toyota Production System. L’espressione originaria era Baka-yoke (“a prova di stupido” o “a prova di idiota“), ma venne successivamente cambiata in Poka-yoke.

Un esempio pratico di questo nell’esperienza odierna è l’impossibilità di togliere la chiave della macchina dal blocchetto dell’avviamento finché il veicolo è acceso.

Implementazione di Poka-Yoke

Shingo ha distinto tre tipi di Poka-Yoke:

  • Il metodo del contatto (contact method): le caratteristiche fisiche di un oggetto (la sua forma, il suo colore, …) permettono di distinguere la posizione corretta o impediscono di connettere tra loro degli oggetti evitando i malfunzionamenti causati da un errato contatto.
  • Il metodo del valore fisso (fixed-value method) controlla se è stato compiuto un certo numero di operazioni.
  • Il metodo delle fasi di lavoro (motion-step method) controlla se sono stati eseguite, nel loro ordine corretto, tutte le fasi di un determinato processo.

Poka-yoke dà degli avvertimenti, o può ostacolare, oppure controllare, l’azione sbagliata. E’ suggerito che la scelta tra questi due sia basata sui comportamenti nel processo; errori occasionali possono meritare avvertimenti mentre errori frequenti, o quelli che non possono essere rettificati, possono meritare un poka-yoke di controllo.

Esempio di Poka-Yoke applicato: nella progettazione di una cella di assemblaggio di pompe, tramite la P-FMEA, ci si rese conto che, precedentemente, su celle simili, a volte, gli operatori si dimenticavano qualche vite componente il prodotto finito. La parte finale dell'assemblaggio è stata, pertanto, progettata inserendo un braccio automatico con sensori magnetici che rileva la presenza di tutte le viti. Nel caso di assenza anche di una sola vite, si accende una luce rossa e la linea si blocca.

 

 

Entra nel mondo della Lean Production con Easy Lean, inizia implementando il metodo Poka Yoke e molti altri che ti suggeriremo per raggiungere gli obiettivi primari della produzione snella! Non esitare, contatta i nostri uffici! 

 
 
 




Le ultime NEWS



OEE –overall equipment effectiveness

Uno dei vantaggi del TPM consiste nel portare ad un uso più efficiente degli impianti ed attrezzature (Overall Efficiency).








Combinazione più efficace delle politiche di manutenzione industriale

Come accennato nel precedente articolo ti presentiamo oggi la strategia migliore secondo molteplici aziende Lean che l'hanno applicata ottenendo maggiore efficacia, efficienza e riduzione dei costi